Oggi parliamo nello specifico di alcune farine senza glutine

Dai nostri blog precedenti abbiamo tutti capito di cosa parliamo quando accenniamo alla celiachia, alle intolleranze al glutine, quali sono gli alimenti che i celiaci possono o non possono mangiare.

Il glutine è alla base del successo per una buona lievitazione nella preparazione dei prodotti da panificazione come, dolci, pane e pizze.

Le farine senza glutine sono invece farine deboli perchè manca appunto la formazione della maglia glutinica.

Esistono in natura delle farine che sono già prive di glutine, come la farina di riso, di soia, di mandorle di grano saraceno e molte altre ancora.

Questi tipi di farina si trovano facilmente in tutti i supermercati, ma i celiaci prima dell’acquisto devono affidarsi al Prontuario per alimenti senza glutine redatto dall’Associazione Italiana Celiaci, in quanto nel loro processo produttivo potrebbero essere venute a contatto con con farine di frumento o di cereali.

Una volta accertato che queste farine naturali siano idonee ai celiaci, seguendo una ricetta classica ma priva di glutine, è necessario anche sapere che da sole non sono idonee alla panificazione ed è necessario aggiungere qualche ml di liquido in più come il latte per esempio se si tratta di dolci diminuendo anche di 10 minuti la cottura in forno, o un uovo in piu’ in caso di preparazione di pasta all’uovo, aggiungendo anche qualche cucchiaio di acqua.

La farina di riso ad esempio è perfetta per panature di carne e pesce, come addensante per le salse quali crema pasticcera e besciamella. Puo’ essere utilizzata anche per la preparazione di dolci soffici come torte e crepes. Ha un sapore delicato ed è molto leggera ma tende a rendere secco il prodotto, pertanto è sempre opportuno miscelarla alla fecola di patate che è un amido o alla farina di tapioca per migliorare la resa.

La farina di mais esiste nella versione “bianca” o bramata”è ideale per la preparazione della polenta ed è ideale anche nella preparazione di biscotti semplicemente sostituendola alla farina di frumento. In aggiunta alla farina per pane senza glutine che si trova già in commercio rende il prodotto rustico e saporito.

La farina di grano saraceno si usa in aggiunta alla farina per pane senza glutine per rendere il prodotto finale come pane appunto, pizza e focacce dall’aspetto e dal sapore integrale.

La farina di soia ha un alto valore proteico ha la caratteristica di rendere morbidi e umidi gli impasti e si consiglia l’impiego per la produzione di pane e pizza aggiungendone una piccola quantità 50/100 grammi in 500 grammi di farina dietoterapeutica; queste ultime sono mix di farina senza glutine per la preparazione di impasti che necessitino l’utilizzo del lievito di birra.

In linea di massima queste sono le farine piu’ utilizzate nella preparazione degli impasti senza glutine.

Esistono poi altre farine naturali prive di glutine, come per esempio la farina di castagne, le farine ottenute dai legumi come quella di ceci e le farine di frutta secca.

Ricordiamo che l’ottimizzazione degli impasti si ottiene aggiungendo sempre in percentuale variabile fecola di patate, amidi di riso e mais o maizena.

Riportiamo di seguito la ricetta della

CIAMBELLA ROMAGNOLA SENZA GLUTINE

INGREDIENTI PER 8 PERSONE

  • 2 uova
  • 120 gr. di zucchero
  • 200 gr. di farina di riso
  • 100 gr. di farina di mais
  • 110 gr. di burro
  • 8 gr. di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • Aromi a piacere

Per guarnire:

  • q.b. Latte per spennellare
  • 1 cucchiaio di zucchero semolato
  • q.b. Granella di zucchero

Per preparare la ciambella romagnola iniziate facendo sciogliere il burro a fuoco basso in un pentolino, oppure nel microonde; lasciatelo raffreddare. Mescolate in una ciotola la farina, il lievito, lo zucchero e gli aromi. In una ciotola a parte sbattete le uova con un pizzico di sale, unitevi il liquore se lo usate e versatevi a filo il burro fuso ormai freddo. Sbattete bene per amalgamarlo alle uova, quindi versate il tutto nella ciotola con la farina e lo zucchero. https://www.hotelmonpaysbellariaigeamarina.it/le-nostre-offerte/

Mescolate con un cucchiaio finché il composto non inizierà a formare piccoli grumi . Trasferitelo a questo punto sul piano di lavoro e impastatelo con le mani, fino a ottenere un panetto omogeneo .

Dategli la forma di un filoncino leggermente schiacciato e disponetelo su una teglia rivestita di carta da forno . Spennellatelo con un po’ di latte e guarnitelo con un po’ di zucchero semolato e un po’ di granella di zucchero. Cuocete la ciambella romagnola nel forno già caldo a 180° (statico) per 40-45 minuti. Il dolce è pronto quando si formeranno delle crepe sulla sua superficie e risulterà ben dorato. Sfornatelo e lasciatelo intiepidire prima di tagliarlo a fette. https://www.hotelmonpaysbellariaigeamarina.it/i-nostri-servizi/

Servite la ciambella con un buon bicchiere di Albana Dolce di Romagna!

Le Farine senza glutinehttps://www.hotelmonpaysbellariaigeamarina.it/